Apicoltura: Notizie dalle Regioni : Marche :

Regione Marche: contributi al settore apistico

Interventi finanziabili

·         messa a norma di locali per la smielatura, lavorazione e confezionamento del miele gia’ esistenti
·         acquisto di nuove macchine ed attrezzature per la lavorazione e commercializzazione del miele ed altri prodotti dell’apicoltura quali smielatori, invasettatrici, disopercolatori;
·         programmi informatici.
Per ogni progetto possono ammesse inoltre spese progettuali e generali nella misura massima del 10% dell’importo del progetto approvato e realizzato per gli investimenti fissi e del 2% per le attrezzature e macchinari, purché documentate.
 
Beneficiari
 
Imprenditori agricoli produttori apistici singoli od associati, apicoltori professionisti la cui redditività possa essere dimostrata con una valutazione delle prospettive e che possiedano le qualifiche e le competenze professionali adeguate da dimostrare al momento della presentazione di richiesta di liquidazione tramite:
- esperienza minimo biennale come titolare, contitolare o coadiuvante dell’impresa apistica riscontrabile dalle denunce del patrimonio apistico ed impegno a partecipare ed a superare un corso di specializzazione di 25 ore con un numero di ore definito ai fini del rilascio della qualifica finale.
I beneficiari inoltre dovranno essere in possesso di:
- almeno 30 alveari
- P.IVA;
- in caso di imprese agricole iscrizione al registro delle Imprese della Camera di Commercio (sezione speciale Imprese agricole);
- regolare denuncia del patrimonio apistico all’ASL di appartenenza.
 
Contributo
 
·         40% delle spese ammissibili, elevabile al 50% nelle aree svantaggiate
·         elevabile rispettivamente fino al 45% e 55% per i giovani apicoltori, a condizione che gli investimenti siano effettuati entro cinque anni dall’insediamento.
L’importo massimo 20.000 euro per azienda singola e di 40.000 euro per aziende associate nel caso di investimenti fissi e 10.000 euro per aziende singole e 20.000 euro per aziende associate nel caso di investimenti mobili. L’IVA si intende generalmente recuperabile da parte del beneficiario finale e quindi non ammissibile a contributo.

L'APICOLTORE ITALIANO - Strada del Cascinotto, 139/30  - 10156 TORINO
Tel. 011 2427768 Fax 011 2427768 - info@apicoltoreitaliano.it
P.IVA: 07694730016