Apicoltura: Apicoltura : Mieli Uniflorali Italiani :

acacia1_small.jpgMiele di Acacia

Originaria del Nord America è diffusa in Italia ovunque come pianta infestante. Habitat: scarpate, incolti (o-1000 m). E’ uno dei mieli più conosciuti ed apprezzati.

 

ailanto2_small.jpgMiele di Ailanto

E’ originaria della Cina e si è diffusa nell’Europa dal 1700 in poi. E’ una specie resistente ed adattabile a qualsiasi tipo di terreno. E’ un miele che si produce solo occasionalmente come uniflorale, ma spesso lo si ritrova nei mieli tardo primaverili-estivi.

arancio_small.jpgMiele di Agrumi

Con il termine miele di Agrumi si indicano tutti i mieli prodotti sulle specie di Citrus. E’ tra i mieli più apprezzati per l’intensità e la finezza dell’aroma.

Miele di Cardo

La pianta con questo termine si indicano specie della famiglia delle Composite, caratterizzate da fusti, foglie e involucri spinosi. Come monoflorale si produce in Sicilia, Sardegna e Isola d’Elba, ma con questa denominazione è commercializzato soprattutto in Sardegna.

 

 

 

 

 

 

 

Miele di Colza

Pianta erbacea annua, coltivata in Italia centro-settentrionale per i semi da cui si ricava olio sia alimentare sia per uso industriale. Viene prodotto in poche quantità come uniflorale. Il nettare di colza si trova nei millefiori primaverili e nei mieli d’acacia.

Miele di Corbezzolo

E’ tipica della macchia mediterranea ed è diffusa nel centro sud e nelle isole. E’ coltivata anche come pianta ornamentale. Come uniflorale la produzione è solo in Sardegna e nella Maremma.

castagno_small.jpgMiele di Castagno

E’ un albero a foglie caduche. E’ uno dei costituenti principali dei boschi collinari e montani su tutto il territorio nazionale. E’ una delle principali produzioni a livello nazionale. E’ un miele con caratteristiche particolari che non incontra il gusto di tutti i consumatori.

Miele di Erba Medica

Specie erbacea perenne; è la pianta foraggera più coltivata in Italia. L’erba medica è una buona fonte nettarifera, solo un assenza di altra flora; questo perché la conformazione del fiore fa si che quando l’ape si posa sul fiore il tubo staminale la colpisce sulla testa. Pertanto le api non raccolgono su questa pianta quando ci sono fioriture alternative.

eucalipto_small.jpgMiele di Eucalipto

Originaria dall’Australia, è stata introdotta agli inizi del ‘900 in Italia. La più diffusa è Eucalyptus Camaldulensis ed è quella più interessante per la produzione del miele. Anche le altre specie sono bottinate dalle api e sono diffuse nelle zone a clima mite e lungo le coste.

Miele di Girasole

Specie originaria del Sud America, utilizzata per la produzione del seme oleoginoso. Solo nell’Italia centrale assume particolare importanza per la produzione di miele uniflorale. La quantità prodotta varia in base alle superfici di coltivazione della pianta.

rosmarino_small.jpgMiele di Rosmarino

E’ tipico ella macchia mediterranea. E’ coltivato un po’dappertutto come pianta medicinale e aromatica e si trova anche nello stato selvatico. La produzione uniflorale è rara ed avviene in Puglia, in Sardegna e nelle isole minori.

rododendro_small.jpgMiele di Rododendro

Si tratta di cespugli sempre verdi che sono diffuse nelle zone sub-alpine. La produzione di questo miele è costosa e rischiosa, vista la necessità di portare gli alveari a quote elevate dove le condizioni metereologiche sono instabili.

Miele di Sulla

Specie erbacea perenne, coltivata come foraggio nelle zone mediterranee. Ultimamente la sua coltivazione è notevolmente diminuita. La produzione di miele uniflorale è ridotta ad alcune zone del centro sud e alle isole.

tarassaco_small.jpgMiele di Tarasacco

E’ una pianta erbacea, diffusa su tutto il territorio nazionale, ma soprattutto nelle zone collinari dell’Italia settentrionali. Si tratta di una produzione non abbondante nelle zone collinari e di bassa montagna intorno alla Pianura Padana.

tiglio_small.jpgMiele di Tiglio

Le 2 specie (Tilia Cordata e T. Platyphyllas) sono tipiche di boschi di latifoglie nelle zone prealpine e appenniniche. Si produce nell'Arco alpino e nell'Appennino settentrionale. Si trova anche miscelato con castagno o con melata.

Miele di Timo

Le produzioni di miele uniflorali si ottengono da Thymus Captatus diffuso nelle zone più aride. Le produzioni di miele uniflorali provengono dalla Sicilia Orientale. Nei mieli montani si trova il Thymus Serpyllum che ha caratteristiche diverse.

 

Miele di Melata di Abete

L’ Abete bianco (Abies Alba) è diffuso sulle Alpi tra gli 800 e i 1500 metri e sull’Appennino. L’Abete rosso (Picea excelso) è diffuso quasi esclusivamente sulle Alpi. La melata si produce in seguito all’opera di alcuni insetti dell’ordine dei Rucati.Tra le melate è il più apprezzato.

melata-meccalfa_small.jpgMiele di Melata di Metcalfa

La Metcalfa Pruinosa è originaria dell’America Settentrionale, introdotta in Italia nel 1989. A causa dei piani di lotta chimica contro questi insetti, si è ridotta la popolazione dei parassiti.

L'APICOLTORE ITALIANO - Strada del Cascinotto, 139/30  - 10156 TORINO
Tel. 011 2427768 Fax 011 2427768 - info@apicoltoreitaliano.it
P.IVA: 07694730016